La prima visita

Consiste in quattro fasi

1- Intervista anamnestica:

Consiste in una scrupolosa indagine della storia medica attuale e pregressa del paziente, ponendo domande relative al motivo della valutazione osteopatica, in modo da avere un quadro completo. La presentazione dei sintomi e la presa visione degli eventuali referti di esami diagnostici strumentali già eseguiti che il paziente stesso porta con sé (radiografie, tac, risonanza magnetica, etc.)

2- Test, esame posturale e palpazione diagnostica  in chiave  osteopatica:

Dopo le informazioni ricevute ed elaborate nella fase anamnestica si procede alla vera e propria ricerca degli elementi che perturbano il sistema salute del corpo facendo eseguire al paziente alcuni movimenti ben precisi (test attivi) ed eseguendo l’osteopata stesso altri movimenti sul paziente (test passivi) al fine di individuare zone del corpo con una restrizione di mobilità, esame posturale e palpazione dei tessuti.

3- Trattamento:

Il trattamento in prima visita sarà mirato alle disfunzioni corporee specifice riscontrate nelle fasi precedenti. Le tecniche osteopatiche utilizzate saranno personalizzate e legate alle caratteristiche del paziente (età, livello di attività fisica, traumi, storia medica, etc.)

4- Sintesi osteopatica:

In questa fase vengono spiegati i risultati ottenuti dopo il primo trattamento e l’identificazione della possibile causa del sintomo lamentato dal paziente, gli obiettivi da raggiungere con la terapia osteopatica, la frequenza e la posologia d’intervento manuale e i tempi stimati di recupero dello stato di salute.